Original Version Movies

CRAWL

Intrappolati

Giovedì 15 agosto, ore 21.00

Versione in lingua originale con sottotitoli in italiano
Ingresso a tariffa intera € 6,00

 

 
Haley Keller non parla più con suo padre Dave, per anni anche suo allenatore di nuoto. I genitori si sono separati e papà è rimasto nella casa di famiglia in Florida, incapace di accettare che sua moglie ora abbia un altro. Haley, dal canto suo, continua a gareggiare e ad essere superata in velocità e destrezza dalle compagne, risentendo nelle orecchie le parole del padre che la spingeva costantemente oltre i suoi limiti. Ma quando un potentissimo uragano colpisce la costa sud-est degli Stati Uniti la ragazza decide di mettere da parte le ostilità e si reca alla casa del padre, trovandolo intrappolato e ferito: un coccodrillo si è infilato nel sottoscala e nuota indisturbato (e affamato) in quello spazio in cui gli amanti del bricolage americani fanno i Bob Aggiustatutto.

Il titolo Crawl si riferisce tanto a quel seminterrato (in inglese “crawl space”) quanto al verbo “to crawl”, ovvero strisciare, che descrive bene il movimento dei coccodrilli. In Florida di coccodrilli ce ne sono tanti, pronti a strisciare fuori dal fango delle paludi (artificiali) e approfittare degli allagamenti occasionali per fare caccia grossa di carne umana.

Dietro la cinepresa c’è Alexandre Aja, che ha già firmato un altro film su bestie feroci che predano sott’acqua, il cult movie Piranha 3D. Davanti, nei ruoli di figlia e padre, ecco una teen queen come Kaya Scodelario e un attore solido come Barry Pepper.

Crawl ha un pubblico ben definito con aspettative chiare: situazioni (quasi) impossibili, sobbalzi sulla poltrona del multiplex, sangue e carne divelta quanto basta, montaggio rapido e alta velocità di ripresa. Aja soddisfa tutte queste aspettative, e in più aggiunge un elemento che potrebbe convincere anche le fidanzate più timide e impressionabili ad entrare in sala insieme ai fan del genere (le fan dei film saranno già in fila per conto loro): una storia d’amore coinvolgente fra un padre presente ma eccessivamente esigente e una figlia in gamba che ha bisogno di tirare fuori… il coraggio.

La chiave di lettura postmoderna sta nello scambio dei ruoli tradizionali: non è papino a dover salvare la sua bambina, ma la figlia insicura ma tosta che cerca di tirare fuori dai guai (e dalle fauci dei coccodrilli) il padre pasticcione. Riusciranno i nostri eroi ad uscire dalla casa degli orrori con le proprie gambe? E ce la faranno ad uscire dal loro “crawl space” interiore? Di certo riescono a farci strillare e tappare gli occhi davanti alle scene più splatter, ma anche a farci sorridere della loro situazione surreale e commuovere davanti al conflittuale legame padre-figlia.

Immagini & Video

1video 2immagini

Spettacoli

Scegli il Cinema

  • CinemaCity